domenica 17 maggio 2020

Accesso al Sesto Chakra



la fantascienza di oggi è la scienza di domani.
(Stephen Hawking)


Il nostro cervello, alla luce delle ultime scoperte della scienza, risulta un sistema plastico anzichè fisso ed è benessimo in grado di riprodurre nuove cellule, come tutto il resto del nostro corpo. Al contrario di quanto sapevamo fino a poco tempo fa, in cui si sosteneva che le cellule del cervello, malgrado il numero stratosferico, potevano esaurirsi, per il fatto che non erano in grado di rigenerarsi.

Purtroppo di queste informazionino non siamo in grado di farcene nulla, fino a quando non siamo consapevoli di dover attivare e equilibrare il nostro Sesto Chakra.

Siamo stati finora nella suggestione e questo ci porta a credere o non credere, a suddividere in buono e cattivo, quindi a rimanere nel giudizio e nelle convinzioni che fanno parte dei condizionamenti.
Ma ecco che quando entra in azione il Sesto chakra Ajina che in sancrito significa "percezione"conosciuto  anche come Terzo Occhio,  succede qualcosa di meraviglioso, è con questa attivazione che possiamo aprirci alla VISIONE, che è qualcosa di più reale della realtà stessa nella quale siamo continuamente immersi. Quando sei li diventi consapevole di essere nel flusso e non puoi fare a meno di seguirlo.
Prima le nostre scelte erano guidate dagli insegnamenti ricevuti dai genitori, dai maestri o dai professori, dalle religioni o dalle varie autorità che governano le leggi terrene, e in quella fase avevi la scelta: o di seguire le regole o quella di ribellarti. Ora invece, che la tua conoscenza si fonda su istruzioni ricevute dall'interno,sarai condotto dalla tua guida interiore in un unica grande via, quella della legge cosmica.

La realizzazione della  visione non si basa sulla fiducia verso il genitore o verso l'autorità o verso le religioni. Essa si basa sulla fede. Ma la fede per essere reale deve essere compresa. La fede è sapere con certezza che quello che vediamo succedrà, perchè lo sappiamo già. La fede è quella serena, pacifica, tranquillità, è quell'affidarsi che ci fa dire  ".... anche se non so come " so che questo accade.

E' il sapere delle leggi della natura, come il tramontare del sole e il suo ricomparire all'alba. E' la certezza che la natura farà il suo corso perchè segue le leggi cosmiche. E anche se tu non sai come
sai che è così.
A cosa ti affidi? A quella parte di te che si può collegare al campo della "Matrice Divina" un campo di interconnessione che i mistici e i guru chiamano Akasha e che la fisica quantistica oggi chiama
"campo di tutte le possibilità" Potrebbe sembrare come una biblioteca cosmica o un internet spirituale, al quale puoi accedere con l'attivazione del Sesto chakra, dove potrai ottenere rivelazioni di passato, presente e futuro, attraverso, informazioni, cioè onde di energia che escludono la mente.

Quello che resta è pura conoscenza, libera da ogni reazione condizionata; al contrario delle istruzioni ricevute nel campo materiale. Queste informazioni sono il seme della consapevolezza.
E come tutti i semi da cui vogliamo far nascere qualcosa: una pianta, un fiore... dovremo coltivarli qui nella materia.
Qui useremo ancora la fede anche se non ce ne rendiamo conto: la fede nelle leggi della natura, perchè in realtà non conosciamo il processo che svolge il seme per trasformarsi in un albero o in fiore("anche se non so come"), ma noi semplicemente sappiamo che è così.

E anch se dovessimo decidere di non coltivare subito quei semi, sappiamo che essi misteriosamente,
resteranno un potenziale sempre a disposizione, fino a quando sarà il tempo per avviare il processo di trasformazione. (metafora dei nostri talenti).

Quindi non più sforzo, ma gioioso impegno nell'assecondare la nostra missione nel mondo.
E' con queste premesse che vi invito ad entrare nel nostro pieno potenziale, alla scoperta delle merevglie del nostro Sesto Chakra, la nostra guida divina.

Dedicato al tuo risveglio interiore

lunedì 2 marzo 2020

L'Uomo Nuovo

                                         
                                                                                                      


Se puoi sognarlo puoi farlo 
                                  
Walt Disney




Tutta la conoscenza, tutta la storia del passato dell'uomo, non avranno un seguito, se l'uomo non persegue la conoscenza di sè stesso, ma non ci sarà nessun seguito neppure se l'uomo la persegue....nel senso che la storia, il tipo di conoscenza pregna di condizionamenti sono vane, finite, inutili, per la Nuova Civiltà.

Le lotte, le guerre, le ribellioni, le rivoluzioni, le formazioni di partiti, le chiese, i guru, potranno ancora esistere compiere stragi, annichilimenti, distruzioni. Potremo essere indottrinati, guidati assoggettati, ma tutto questo non genererà, un uomo nuovo nè una nuova società.

L'unico cambiamento possibile parte da ognuno di noi, dall'interno, dal prendere atto senza giudizio, che il cambiamento possiamo attuarlo solo all'interno di noi fino nel nostro DNA, produrre in noi questa rigenerazione sarà l'unico vero e possibile cambiamento, nei rapporti dell'uomo con sè stesso, con la famiglia con la società, con il potere, con la tecnologia, la medicina, la scienza, le religioni.

La figura che emerge è quella di un uomo nuovo (e naturalmente anche di una donna), che abbia conosciuto profondamente sè stesso e che abbia riconosciuto i suoi veri poteri.
L'Uomo Nuovo farà tabula rasa di tutto ciò che finora ha appreso e sarà pervaso da una nuova realtà. Da questa nuova prospettiva, ribalterà completamente la sua visione, le sue emozioni, il suo sentire.
Ogni lotta di potere, ogni dominio, ogni controllo di massa perderà di senso, perchè questo uomo nuovo avrà riconquistato la sua interezza e sarà in grado di bastare a sè stesso.
Avrà rotto i ponti con il passato, con i conflitti, le guerre, le rivoluzioni, le violenze e i giochi di potere.

La sua vera divina natura potrà manifestarsi nella ricerca di nuove espressioni, abilità, scoperte, fenomeni spontanei  di guarigione e di ringiovanimento cellulare.
Esso genererà bambini che crescono con poteri straordinari innati.
Tutto sarà possibile, perchè l'uomo, libero da tutti i condizionamenti subiti fino a poco prima scoprirà facoltà intuitive e espressioni realizzanti fantastiche, che se pur occultate a sé stesso, da tempo immemorabile, sono da sempre un suo diritto di nascita. 

L'amore per l'alro sarà il riflesso del grande amore che ha per sè stesso e questo infonderà nell'ambiente tutto un clima di collaborazione, di solidarietà, pace e benessere per tutti.
Gli uomini saranno tutti di buona volontà, e si ricercherà non il potere sull'altro, ma la scoperta di nuovi poteri personali.

Come in un luogo sacro si prega, così si riconosceranno questi talenti personali come doni di una natura generosa con il nuovo genere umano e ogni azione, anzichè di sacrificio, si rivestirà di sacralità e verrà compiuta nella gioia della propria esspressione di sè.
Nel donare reciprocamente potremo ricevere tanto amore, che sarà il nostro più grande nutrimento, di corpo mente e spirito.
Già oggi vediamo i primi esempi, se pur ancora rari, di persone che vivono senza cibo né acqua, nutrendosi solo di luce, la più alta espressione d'amore conosciuta.  "L'amor che move il sole e l'altre stelle" (Dante Alighieri).

Il lavoro di ognuno consisterà nel coltivare questi doni che chiaramente verranno offerti all'altro senza pensare ad alcuna ricompensa in denaro, perchè non sarà più necessario guadagnarsi da vivere nella comune accezione di come è intesa ora. E gli avidi? Spiacenti non ci sarà posto per loro nel mondo nuovo, significa che se vorranno trovare un posto dovranno prima essersi disfatti della loro avidità. E questo, ahimè, o meglio, ailoro, sarà un compito ben arduo!

Il denaro potrebbe non servire più e neppure le banche, e con esse i bancari e i banchieri. Tutto sarà più semplice perchè, se  avrò bisogno di alcunchè, se io stesso non sarò in grado di produrlo ci sarà l'esperto che saprà farlo avendo coltivato il suo dono, e come ognuno di noi si sarà impegnato a scoprire e coltivare il proprio, con il potere, la forza, e la forma del pensiero...

La comprensione che ci accumuna sarà il collante della nuova identità che l'uomo abbia mai sognato e raggiunto prima d'ora.
Fantastico vero? Si, ma non impossibile! "Noi siamo piccoli corpi in un Universo Infinito, siamo universi infiniti in un piccolo corpo". dalla"Fisica dell'anima". Fabio Marchesi.

Come diceva, a mio parere, una grande anima, "Se puoi sognarlo puoi farlo"


Dedicato alla tua rivitalizzazione!